Biotecnologie: Biovalley acquisisce centro ricerca svizzero

Attivo nella diagnostica salivare di precisione non invasiva

Redazione ANSA TRIESTE
(ANSA) - TRIESTE, 06 LUG - La Biovalley Investments di Trieste ha perfezionato l'acquisizione dell'88% di Swiss Integrative Center For Human Health, il centro di ricerca svizzero specializzato in soluzioni e sistemi innovativi nei settori industriali delle tecnologie mediche, bioinformatiche e delle biotecnologie. Lo ha comunicato oggi in una nota la stessa società, che si occupa di gestire gli investimenti effettuati in imprese del settore BioHighTech operanti nel Friuli Venezia Giulia e nelle regioni limitrofe. Il Sichh ha sede nell'incubatore Bluefactory di Friburgo (Germania) ed è attivo in particolare nella diagnostica salivare di precisione non invasiva. Biovalley Investments ha acquisito la maggioranza delle quote del centro di ricerca, mantenendo però il partenariato pubblico-privato: restano con quote di minoranza l'Università di Friburgo, l'Institut et Haute Ecole de la Santé, La Source di Losanna, l'Université de Neuchâtel, lo Swiss Institute of Bioinformatics, l'HFR Fribourg - Hôpital cantonal e l'Istituto Cardiocentro Ticino. A seguito dell'intervento di Biovalley Investments, l'Assemblea dei Soci ha nominato due italiani nel nuovo CdA di Sichh: Diego Bravar, già Presidente di Biovalley, e Giovanni Loser, ex amministratore delegato di Biovalley. "Con questo investimento puntiamo su una regione più lontana della macro regione Alpe Adria - ha detto Bravar -, ma molto affine al Friuli-Venezia Giulia per l'alta densità di startup innovative, che è addirittura superiore a quella di Trieste, ovvero la più alta in Italia". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: