Gruppo Tea, multiutility punta su simbiosi tra uomo e tecnologia

Con Ammagamma al via robotizzazione processi di back office

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 17 MAR - Puntando sulla simbiosi tra uomo e tecnologia, il gruppo Tea, multiutility mantovana, insieme alla società di data science Ammagamma, ha dato il via a un progetto di robotizzazione di processo per aiutare le persone a lavorare meglio. Il progetto si fonda sull'implementazione di software automatici, detti "bot", per l'automazione dei processi di back office, ovvero di operazioni altamente ripetitive e a basso valore aggiunto, permettendo alle persone coinvolte di dedicarsi ad altre mansioni più qualificate e alla supervisione dei processi. Al momento sono stati completamente robotizzati tre processi di back office: gestione dei flussi di pagamento che arrivano dai vari canali di incasso, gestione dei pagamenti Sdd e presa in carico degli insoluti, oltre ad un'attività di back office generale. Obiettivi del progetto sono quelli di alleggerire il carico e migliorare la qualità del lavoro delle persone di back office, velocizzare i processi, ridurre la frequenza di errori. "Il percorso verso l'innovazione deve tenere conto di molti fattori, tra cui superare alcune resistenze e identificare la simbiosi ottimale tra uomo e tecnologia - afferma il Ceo di Gruppo Tea, Mario Barozzi -. La trasformazione digitale di un'azienda non si deve basare soltanto sull'adozione di nuove tecnologie, ma in primo luogo sulla creazione di una cultura digitale interna". Per il presidente di Ammagamma, Fabio Ferrari, "l'intelligenza artificiale ha il compito di rendere comprensibili le complessità, assicurando maggiore consapevolezza alle persone, che non ne devono essere spaventate". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: