Pagamenti digitali per 327 mld nel 2021, crescita record

Osservatorio PoliMi, stop cashback non frena espansione

Redazione ANSA MILANO

Nonostante lo stop al cashback di Stato, anche nel secondo semestre del 2021 i pagamenti digitali in Italia hanno continuato a crescere, raggiungendo quota 327 miliardi di euro a fine anno (+22% sul 2020). I pagamenti con carte contactless, con un valore di 126,5 miliardi, si confermano i preferiti dagli italiani per effettuare acquisti in negozio, mentre, sono in forte ascesa i pagamenti da smartphone e oggetti indossabili (wearable) che superano i 7 miliardi di euro, raddoppiando il loro valore e registrando la maggior crescita del comparto. Nel complesso, la penetrazione dei pagamenti elettronici sui consumi delle famiglie sale a quota 38%, con una crescita di 5 punti percentuali. E' la fotografia che emerge dall'Osservatorio Innovative Payments della School of Management del Politecnico di Milano, presentato in occasione del convegno "Innovative Payments: the new normal".

A fronte di questi risultati positivi, però, "è peggiorato il divario nei confronti degli altri Paesi europei in quanto a transazioni pro-capite", evidenzia il responsabile scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, Alessandro Perego, segnalando che l'Italia è scesa al 25esimo posto (su 27) nella classifica continentale. "Il secondo semestre del 2021 - evidenzia l'Osservatorio - ha perso uno dei driver della crescita rilevata nei primi sei mesi dell'anno: l'iniziativa del cashback (adottata da quasi 9 milioni di italiani, circa il 18% della popolazione maggiorenne) è infatti stata inizialmente sospesa e poi definitivamente cancellata dal governo, a favore di misure di incentivo per i commercianti". In questo contesto, però, gli italiani hanno dimostrato il cambio di passo definitivo nei confronti della digitalizzazione dei pagamenti, che "continuano a crescere con la stessa forza anche senza incentivi". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA