Deloitte: "talenti Stem cruciali per rimanere competitivi

Pompei, incentivare le donne; a rischio competitività futura

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Se vogliamo un'Italia più competitiva, dinamica e capace di guardare al futuro, non possiamo rinunciare al talento delle donne. E soprattutto, non possiamo rinunciare alle competenze Stem delle donne: ne avremo sempre più bisogno e anche per questo dobbiamo incentivare le ragazze ad avvicinarsi a questo mondo". Lo sottolinea il ceo di Deloitte Italia, Fabio Pompei, in occasione della 'Digital Talent Fair', evento dedicato alla promozione della cultura Stem (Science, Technology, Engeneering and Mathematics) e della parità di genere. "In futuro le competenze tecnico-scientifiche saranno quelle più richieste dal mercato del lavoro: già oggi esiste un gap tra domanda e offerta, ma nei prossimi anni il problema potrebbe diventare strutturale, compromettendo la competitività complessiva della nostra economia", osserva Pompei. "Per questo tutti gli attori in gioco, dalle imprese alle istituzioni, devono unire gli sforzi per cambiare rotta e investire con decisione sulle competenze Stem, con particolare attenzione all'inclusione delle donne". Secondo una ricerca Deloitte, in Italia quasi un'azienda su quattro (almeno il 23%) non trova i profili professionali Stem di cui ha bisogno. "Un dato allarmante che rischia di aggravarsi se non ci sarà una netta inversione di rotta", avverte Pompei, segnalando che "nel 2020 solo il 27% degli universitari era iscritto a facoltà tecnico-scientifiche. Di questi, solo un quarto è donna". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: