==Governo: Marattin, Iv non pensa a qualche ministro in più

L'azione politica economica del governo sembra arrancare

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 11 GEN - Italia viva non sta agendo "per avere qualche ministro o sottosegretario in più, altrimenti sarebbe tutto già finito da un pezzo". In merito ad un patto di legislatura, "è quello che dovevano fare i tavoli del programma che si sono riuniti negli ultimi due mesi. E che non sono arrivati assolutamente a nulla". Lo dice in un'intervista al 'Corriere della Sera', Luigi Marattin, presidente della commissione Finanze alla Camera e deputato di Italia Viva. L'azione di politica economica del governo "sembra arrancare. Su dossier come riforma fiscale, Alitalia, Autostrade, riforma ammortizzatori sociali, post Quota 100 c'è stallo completo. Molti altri, a cominciare dal Mes, sono fermi per bugie ideologiche non degne di un governo di una potenza industriale". Il ministro dell'Economia "considera ancora attuale la stima di crescita del Pil 2021 del 6%, quando Banca Italia stima 3,5% e la commissione Ue il 4,1%". Alcune domande di Italia Viva al governo sul Recovery Plan, aggiunge Marattin, sono "tuttora senza risposta. Nelle linee guida c'è scritto che le risorse del Recovery fund sono 196 miliardi. Eppure nella tabella sono previsti impieghi per soli 188, tra sussidi e prestiti. Per le politiche attive sono previsti 6,6 miliardi, ben 4 in più rispetto alla prima bozza. Resta da chiarire se servono alla formazione professionale o a perpetuare il fallimento dei navigator". Il Recovery "deve essere un piano industriale di ristrutturazione di un Paese la cui produttività è ferma da 25 anni". Per gestirlo, aggiunge l'esponente di Iv "serve un'autorità politica ben identificata, e una struttura di missione che raccolga il meglio della Pubblica amministrazione, e non esterna ad essa come è stato prospettato nell'ipotesi che ci era stata consegnata". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: