US Open, la seconda volta di Paratore

Unico azzurro in gara, nel 2019 a Pebble Beach il debutto Major

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 16 SET - Da Pebble Beach a Mamaroneck (New York). Dalla California alla Grande Mela, con un anno in più di esperienza e una vittoria al British Masters (European Tour) che gli ha dato fiducia e consapevolezza.
    Dallo US Open allo US Open. Per il secondo anno consecutivo Renato Paratore sarà tra i protagonisti dell'atteso Major statunitense che prenderà il via domani sul percorso del Winged Foot Golf Club. Dopo il forfait di Francesco Molinari, lontano dal green da oltre 6 mesi, "Renny" Paratore sarà l'unico alfiere azzurro in gara.
    Nel 2019 il 23enne capitolino non riuscì a superare il taglio piazzandosi al 118/o posto con uno score di 149 (75 74, +7) colpi. Al suo debutto in un torneo Slam, si misurò, tra gli altri, con il suo idolo di sempre, Tiger Woods, che ritroverà anche questa volta.
    Trasferitosi a Dubai proprio pochi giorni prima del lockdown, Paratore dopo quello in Svezia al Nordea Masters 2017 lo scorso 25 luglio ha festeggiato il secondo titolo in carriera sull'European Tour trionfando a Newcastle upon Tyne. Un'impresa che gli ha permesso di staccare il pass per lo US Open, dove ora proverà ad inseguire un risultato di prestigio. Anche verso la corsa ai Giochi di Tokyo 2021, con Paratore che punta alla qualificazione. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA