McIlroy mattatore, si riparte all'insegna della solidarietà

In Florida evento benefico, Trump: "Ritorno sport importante"

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 18 MAG - Il golf mondiale riparte da dove s'era fermato con Rory McIlroy che si conferma mattatore anche dopo due mesi di stop dovuto all'emergenza sanitaria. Il re del green in Florida apre e chiude la sfida di beneficenza "Driving Relief" trascinando al successo Dustin Johnson nel match di doppio contro il tandem Rickie Fowler-Matthew Wolff. "E' stato fantastico tornare a giocare - le dichiarazioni di McIlroy - e respirare un certo senso di normalità". Atmosfera surreale a Juno Beach, tra distanziamento sociale, donazioni online da parte dei fan da casa e un montepremi totale di 5.503.959 dollari (4 milioni di borsa ed il resto raccolto grazie alla generosità degli appassionati) devoluto in beneficenza (all'American Nurses 'Foundation) per sostenere la lotta al Covid-19. Sul percorso del Seminole GC, nell'evento organizzato dalla Taylor Made (azienda di cui fanno parte tutti e 4 i big coinvolti nell'esibizione) col supporto del PGA Tour, a vincere è stata la solidarietà. Tra caddie assenti (e sacche dunque sulle spalle dei players) per evitare assembramenti, nessuna stretta di mano e alcuna mascherina sul volto dei giocatori. A toccare le aste delle bandiere solo ed esclusivamente Mark Russell, funzionario del massimo circuito americano maschile del green.
    Nessuna polemica da parte di Donald Trump che, intervenendo telefonicamente, ha preferito soprassedere circa le critiche mossegli recentemente da McIlroy ("Cerca di trarre vantaggi politici dalla pandemia comportandosi in maniera avventata e superficiale").
    "Il ritorno allo sport dal vivo - il parere del presidente degli Stati Uniti - è importante anche per quel che riguarda la psiche del nostro paese. E permette a tutti di guardare con ottimismo verso un ritorno alla normalità in attesa di produrre un vaccino o una cura per il coronavirus. Vogliamo stadi pieni di gente - ha aggiunto Trump - Penso al Masters Tournament di Augusta, giocarlo a novembre sarà diverso ma la speranza è quella di vedere una grande folla a bordo green".
    Quello lanciato dalla Florida, dove il golf s'era fermato lo scorso 13 marzo al termine del primo round del The Players Championship, rappresenta un segnale per tutto lo sport americano in attesa del ritorno alle gare anche delle altre discipline. E del rientro ai tornei ufficiali previsto, per il golf, l'11 giugno a Fort Worth, in Texas, col Charles Schwab Challenge (a porte chiuse).
    Un punto di ripartenza, dunque. Con il tee shot di McIlroy ad aprire le danze e le giocate di Fowler, tra i migliori in campo, a favorire lo spettacolo. Ma a decidere la sfida ai supplementari, pur senza mandare la pallina in buca ma solo avvicinandola il più possibile, superando di un'inerzia il colpo scagliato da Wolff, è stato proprio il numero 1 mondiale.
    Vittoria forse immeritata, braccia alzate al cielo e nessun abbraccio o stretta di mano con partner di gioco o avversari. Ma la consapevolezza comune di aver regalato una giornata di sport e solidarietà anche ai più bisognosi. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA