BMW PGA Championship al via, Molinari sogna il bis

L'azzurro riparte da Wentworth, è sfida tra big con McIlroy

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 17 SET - Francesco Molinari riparte da Wentworth per ritrovare slancio e risultati. Nel BMW PGA Championship (19-22 settembre), terzo torneo 2019 delle Rolex Series European Tour, l'azzurro difenderà il titolo conquistato nel maggio 2018. In Inghilterra sarà rivincita tra "Laser Frankie" e Rory McIlroy - numero due mondiale e fresco vincitore della FedEx Cup 2019 -, lo scorso anno secondo a due colpi dal torinese. Saranno dieci i protagonisti del successo europeo alla Ryder Cup di Parigi. Con Molinari e McIlroy anche altri big come Justin Rose, Jon Rahm, Tommy Fleetwood, Paul Casey, Tyrrell Hatton, Ian Poulter, Alex Noren e Henrik Stenson. E proprio da Virginia Water cominceranno le qualificazioni verso la Ryder 2020 (Wisconsin, Stati Uniti) per un torneo che metterà in palio anche un montepremi complessivo da 7 milioni di dollari e punti fondamentali nella corsa alla Race to Dubai. Nel Surrey lotteranno per il titolo pure altri campioni come l'irlandese Shane Lowry (vincitore dell'ultima edizione dell'Open Championship) e gli americani Patrick Reed, Tony Finau Billy Horschel e Andrew Putnam. Non solo: anche il 21enne norvegese Viktor Hovland (venti giri consecutivi sotto il par sul PGA Tour e diciassette con uno score inferiore a 70 colpi, eguagliato il primato di Bob Estes del 2001). E poi l'austriaco Bernd Wiesberger (leader dell'ordine di merito) e gli inglesi Matt Wallace, Matthew Fitzpatrick, Eddie Pepperell e Danny Willett.
    Sul percorso del Wentworth Golf Club, oltre a Chicco Molinari ci saranno il fratello Edoardo e altri quattro azzurri: Andrea Pavan, Guido Migliozzi, Renato Paratore e Nino Bertasio.
    L'evento sarà preceduto da una Pro-Am show (al via domani) che vedrà sul green, tra gli altri, Ryan Giggs e Paul Scholes, leggende del Manchester United. Ma anche il cantante Niall Horan e il ballerino Anton du Beke. Mentre la cena di gala della rassegna - che ha visto protagonisti come testimonial, tra gli altri, anche Ronnie Wood dei Rolling Stones e Rod Stewart (che ha annunciato di essere guarito da un cancro alla prostata) - ha prodotto 278.000 sterline da destinare alla Prostate Project and European Tour Foundation. Dal BMW PGA Championship (spostato da maggio a settembre), dove diede il via a una splendida cavalcata che lo portò poi a vincere anche in America (prima il Quicken Loans e poi l'Arnold Palmer), a trascinare l'Europa in Ryder Cup, a conquistare la Race to Dubai e a essere nominato sportivo mondiale non britannico dalla BBC, Molinari ricomincia la scalata verso la classifica mondiale. L'azzurro punta un nuovo exploit per diventare il primo italiano (nel 1996 l'impresa di Costantino Rocca e nel 2013 quella di Matteo Manassero) a vincere, per due volte, quello che, da molti, è considerato come il "quinto" Major del golf.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: