Friuli Venezia Giulia

Frode fiscale: sequestro da 53 milioni tra Napoli e Trieste

Fatture false per vendita prodotti petroliferi a ditte fantasma

(ANSA) - NAPOLI, 30 MAR - Beni del valore di oltre 53 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Napoli e Trieste a cinque persone accusate dalla Procura di Napoli di una frode fiscale nel settore della commercializzazione di carburanti per autotrazione. Le indagini, avviate dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria del capoluogo friulano, ha consentito di accertare una maxi evasione fiscale, secondo gli inquirenti, messa in piedi da una nota società campana operante nel commercio di prodotti petroliferi, la Petrolifera Italiana S.r.l., la quale avrebbe effettuato fittizie cessioni di carburante alle società fantasma Antony Group di Testa Antonio, Perfetto Deposito di Perfetto Abele, Cera Deposito di Ceraso Carmine, Cm di Castellano Marcello, Barca Deposito di Barca Raffaele, Auletta Group di Auletta Giuseppe, Mezzopieno S.r.l., Rall Group S.r.l., Sammarco S.r.l., Company Group S.r.l., G.C. Trading S.r.l., Vincent Group di Petrucci Vincenzo, per oltre 146 milioni di euro evadendo in tal modo l'Imposta sul Valore Aggiunto per circa 33 milioni di euro.
    Inoltre nell'anno d'imposta in questione, la dichiarazione dei redditi non risulta essere mai stata presentata, con conseguente evasione dell'IRES quasi 20 milioni di euro. La Petrolifera Italiana srl, inoltre è risultata essere tra i maggiori fornitori dell'imprenditore Giuseppe Paparo, detto "l'emiro del Vesuvio", coinvolto in un'altra operazione della Guardia di Finanza di Napoli e coordinata dalla Procura della repubblica di Nola. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Nuova Europa



        Modifica consenso Cookie