Università: Unity,grande collaborazione tra i tre atenei Fvg

Tante iniziative, tra cui anche A.I.

(ANSA) - TRIESTE, 24 FEB - Grande collaborazione dal punto di vista scientifico e amministrativo tra i tre atenei regionali, Università di Trieste, di Udine e la Sissa, con la condivisione di parte della formazione e, per quanto riguarda la ricerca, di progetti, alcuni dei quali sono stati realizzati, altri in corso, e nuove iniziative, come, ad esempio, quella riguardante l'Artificial Intelligence. E' emerso dall'incontro di questa mattina, svoltosi nell'ambito dell'accordo di programma Unity, tra i vertici delle tre realtà, i Senati accademici e i Consigli di amministrazione.
    La riunione si è svolta sotto la presidenza della Sissa (è a rotazione, della durata di un anno) ed era relativa al 2020. Il coordinamento tra i tre atenei esiste da qualche anno, si compendia in un tavolo tecnico congiunto - al quale siedono circa 80 persone - ed era stato sollecitato dalla Regione, anche con una legge quadro e relativi fondi.
    La collaborazione tra i tre atenei comporta una accelerazione dal punto di vista tecnologico e scientifico e risparmi economici e finanziari.
    Il presidente di turno, Stefano Ruffo, direttore della Sissa, si è richiamato a una frase utilizzata dal primo ministro Mario Draghi nel discorso al Senato: "Oggi l'unità non è un'opzione ma un dovere".
    Per quanto riguarda la formazione, Unity prevede la condivisione di lauree tra Udine e Trieste; la Sissa, che ha corsi di studio per il solo dottorato, fornisce formazione avanzata, specialistica, prevalentemente per lauree magistrali.
    Per quanto concerne, invece, la ricerca, i progetti sono realizzati con la formula 'hub and spoke': ogni ateneo coordina un hub, il 'core' di un progetto, cui gli altri due partecipano.
    Così, ad esempio, Udine ha hub Meccatronica, di laboratori di Cultural heritage e Computer Science; Trieste di laboratori di Biomedicina, Quantum technologies, di una iniziativa sui Diritti umani; la Sissa coordina l'hub solo di un progetto, High performance computer (la macchina Ulisse). Oggi si è parlato anche del nuovo progetto, Artificial intelligence e Data scienze, che dovrebbe portare nell'arco di qualche mese, all'istituzione di un istituto di ricerca specifico. E' stato il professor Angelo Montanari (Udine) a illustrarlo nel dettaglio.
    Il futuro istituto sarà centrato sulla ricerca base ma con aperture sul mondo applicativo delle aziende. Contatti a livello regionale e nazionale sarebbero stati già avviati. I relativi corsi di dottorato sono già cominciati nei tre atenei. Occorrerà in futuro individuare una sede.
    "Ho notato una grande collaborazione a ogni livello - è il parere di Ruffo - le persone sono molto motivate a lavorare insieme. La collaborazione tra Udine e Trieste ha già prodotto risultati da vari punti di vista". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Nuova Europa



        Modifica consenso Cookie