Coronavirus: Fedriga,servono restrizioni su ingressi Italia

'Da Paesi Est Europa dove contagio in espansione'

(ANSA) - TRIESTE, 06 LUG - Dopo la ripresa di contagi in Friuli Venezia Giulia dei giorni scorsi con un focolaio registrato a Trieste il governatore Massimiliano Fedriga, intende chiedere "al Governo la necessità di provvedere a una disciplina più restrittiva per gli ingressi in Italia, con riferimento a quei paesi dell'Est Europa (vicini ai confini del Fvg) in cui il contagio è in significativa espansione", in particolare in Serbia e Croazia.
    Sabato scorso i nuovi casi positivi di coronavirus erano 8 in regione, mentre ieri erano zero, ma la preoccupazione rimane.
    Per quanto riguarda in particolare il focolaio di Trieste, tutti i primi tamponi (una sessantina) eseguiti ai contatti dei casi riscontrati nei giorni scorsi - hanno ribadito il presidente e il vicepresidente - hanno dato esito negativo. Il tracciamento si è allargato ulteriormente ad altre persone che hanno avuto un rapporto di prossimità con le persone infette. "Sulla situazione - hanno fatto sapere Fedriga e Riccardi - c'è un controllo e un monitoraggio puntuale dell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina (Asugi)". Ai cittadini i vertici regionali ricordano "la necessità di non smettere di osservare quelle regole di igiene e di distanziamento fisico che sono essenziali per limitare il contagio". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Nuova Europa



        Modifica consenso Cookie