Siderurgia: Fim-Cisl Fvg,congiuntura difficile,ferie forzate

Barbaro, monitoriamo situazione per evitare usi impropri

(ANSA) - TRIESTE, 1 GIU - La Fim Cisl lancia l'allarme su un comparto sempre più colpito dai prezzi al rialzo delle materie prime per la produzione dell'acciaio. Il rincaro dei minerali di ferro e delle ferroleghe si è attestato a +40%, superando la soglia dei 100 dollari per tonnellata, dato che se continuasse a crescere, metterebbe a repentaglio gran parte delle marginalità che servono alle aziende per esistere.
    "La situazione delle aziende che seguiamo - denuncia per la Fim Cisl Udine, Francesco Barbaro - rischia di riportare il settore in grave crisi. Non sono solo i rincari della materia prima a preoccupare, ma anche la produzione cinese che è ai massimi storici, vicina a superare la produzione del miliardo di tonnellate già nel 2019". Le aziende siderurgiche locali corrono ai ripari con programmi di ferie forzate per scongiurare la Cig.
    "Monitoriamo - spiega Barbaro - cercando di evitare utilizzi impropri di ferie, che rischiano di far pagare ai lavoratori con le loro tasche, questa fase, speriamo transitoria".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Nuova Europa



        Modifica consenso Cookie