Friuli Venezia Giulia

Xi in Italia: Agrusti, nostro Paese non sia inginocchiatoio

Unindustria Pn, reciprocità. Cina rischia bolla immobiliare

(ANSA) - PORDENONE, 22 MAR - "Spero che l'Italia non si trasformi in un gigantesco inginocchiatoio con l'arrivo del nuovo mandarino": lo ha affermato il presidente di Unindustria Pordenone Michelangelo Agrusti nel corso di un forum organizzato dall'ANSA, riferendosi alla visita di Xi Jinping in Italia. "La Cina ha grossi problemi da risolvere - ha detto - primo fra tutti, i 60 milioni di immobili invenduti con il rischio di una bolla immobiliare, rischio che è davvero molto alto.
    Inoltre, oggi ha una fortissima necessità di incentivare le proprie esportazioni, che lo scorso anno sono calate del 20%".
    Per Agrusti, è "evidente che questa operazione italiana è congegnata per favorire l'export cinese: sono convinto che ci debba essere un rapporto paritario e per questo a negoziare non può esserci l'autorità portuale e nemmeno una singola nazione: ci vorrebbe l'Europa intera, possibilmente alleata con gli Stati Uniti". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Nuova Europa



        Modifica consenso Cookie