Carcere Trieste intitolato a maresciallo Mari, polemiche

Ucciso in una foiba. Anpi, motivi tacciono sue responsabilità

(ANSA) - TRIESTE, 23 GEN - Solleva polemiche l'intitolazione del carcere di Trieste al maresciallo Ernesto Mari, comandante delle carceri giudiziarie della città durante la Seconda Guerra Mondiale, infoibato a Basovizza nel 1945. Una decisione, osserva il comitato provinciale dell'Anpi di Trieste, "inopportuna" nel metodo "perché avviene nei giorni dedicati alla memoria della Shoah, di cui Mari fu, per lo meno, osservatore immobile, pur da posizioni di responsabilità e di comando", e nel merito, "perché viene taciuta nelle motivazioni la sua responsabilità come comandante delle guardie carcerarie". La cerimonia è prevista per domani alla presenza, tra gli altri, del Capo del Dap, Santi Consolo. Mari merita "pietà umana", sottolinea l'Anpi, diverso però "un atto che cancella le sue responsabilità come comandante delle Carceri". Al momento, afferma il presidente dell'Anpi di Trieste, Fabio Vallon, "non sono previste manifestazioni di protesta", "in questi giorni il nostro impegno è rivolto al ricordo della Shoah".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa



Modifica consenso Cookie