Il Ppe vuole aumentare il target rinnovabili al 45% entro il 2030

Iniziato il dibattito in commissione Industria dell'Europarlamento

Redazione ANSA

"L'attacco russo all'Ucraina richiede un riallineamento della nostra politica energetica europea e l'espansione accelerata delle energie rinnovabili porterà indipendenza e sicurezza in Europa". Sono le motivazioni con cui Markus Pieper, relatore della posizione parlamentare sulla nuova direttiva rinnovabili (RED III), ha annunciato che chiederà di aumentare al 45% la quota di energia pulita nel mix Ue entro il 2030, il 5% in più del target proposto dalla Commissione europea.

La competenza principale sul dossier è affidata a Pieper per la commissione Industria, la competenza associata è della commissione Ambiente, co-relatore Nils Torvalds di Renew. Lo stesso partito del presidente della commissione Ambiente, Pascal Canfin. “Sono contento che il Ppe si sia allineato a ciò che diciamo da tempo – ha dichiarato Canfin – ma il Ppe vuole raggiungere il 45% aggiungendo alla lista delle rinnovabili il gas a basse emissioni e noi siamo contrari”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: