Verdi europei pronti a battaglia su quinta lista TEN-E, "escludere gas"

Ma è posizione di minoranza, verso adozione entro fine anno

Redazione ANSA

"L'Ue dovrebbe abbandonare qualsiasi finanziamento diretto di produzione di energia da fonti fossili, incluso il gas, per questo chiediamo di respingere la lista così com’è e di adottarne una alternativa". Lo hanno detto gli esponenti dei Verdi europei nel dibattito in commissione Industria del Pe in occasione della presentazione da parte della Commissione europea della quinta lista di progetti finanziabili nell'ambito delle reti energetiche transeuropee TEN-E.

La lista è in consultazione e dovrebbe essere adottata prima della fine dell'anno. Il resto dei gruppi politici, pur muovendo critiche generali alle regole che presiedono la compilazione della lista (troppo peso agli Stati membri e poco alla strategia, dicono dal Ppe), la appoggia così com'è.

Secondo la Commissione, che ha risposto ai rilievi degli eurodeputati, la lista è già allineata al Green Deal, incentrata com’è sugli interconnettori elettrici e con i progetti gas ammessi che sono già cominciati e tutti per la sostituzione de carbone. Sono tra l'altro in corso i negoziati tra istituzioni Ue sulle nuove regole per le liste TEN-E, hanno ricordato i rappresentanti dell'Esecutivo Ue, che rendono ancora più stringenti i limiti per il gas.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: