Eurodeputati a Valean, Green Deal non danneggi settore trasporti

Primo confronto con commissaria su pacchetto Fit for 55

Redazione ANSA

La declinazione del Green deal europeo nel settore dei trasporti dovrà essere all’insegna di una transizione climatica equa e del mantenimento della competitività del settore. E’ quanto emerso dal dibattito in commissione Trasporti del Parlamento europeo su alcune misure, delineate nel Fit for 55, volte a ridurre le emissioni di CO2 nei trasporti.

La Commissaria Ue Adina Vãlean, responsabile in materia, ha illustrato agli eurodeputati tre nuove proposte: la revisione delle norme sull’infrastruttura per i combustibili alternativi, le nuove regole per l'aviazione (ReFuelEU) e quelle per il mare (FuelEU Maritime). Vãlean si è inoltre soffermata sull'inclusione del settore marittimo e stradale nel sistema Ets dell'Ue e sull'eliminazione graduale dei motori a combustione interna.

Gli eurodeputati, pur concordi con l’obiettivo della neutralità climatica, hanno espresso dubbi sulle soluzioni proposte per raggiungerla. Si è sottolineata, inoltre, la necessità di stringere accordi internazionali per non compromettere la competitività del settore.

Per gli eurodeputati occorre poi una migliore valutazione d'impatto delle misure su aziende, consumatori e gruppi più vulnerabili, nonché una maggiore attenzione su misure di sostegno per i consumatori più vulnerabili. Alcuni deputati hanno affermato che il Fit for 55 non sia tecnologicamente neutro, mentre altri hanno chiesto di riconsiderare i target basati sulla distanza per la realizzazione di nuove infrastrutture per i combustibili alternativi, indicando la densità della popolazione come criterio per individuare le stazioni di ricarica necessarie.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: