Primi finanziamenti Ue da 785 milioni a sostegno delle infrastrutture per l’energia pulita

E’ la prima call del Cef energia per Progetti di interesse comune

Redazione ANSA

La Commissione europea ha lanciato un invito a presentare proposte per i principali progetti di infrastrutture energetiche transfrontaliere dell'Ue inclusi nel 4° elenco dell'Unione dei progetti di interesse comune (Pci), da co-finanziare attraverso sovvenzioni per un valore di 785 milioni di euro dal bilancio dell'Ue.

Questo è il primo bando per i Pci nell'ambito delle nuove regole del Connecting Europe Facility (Cef), il programma di sostegno europeo per le infrastrutture transeuropee. L'elettricità e le reti intelligenti rappresentano oltre il 70% del 4° elenco di progetti Pci, il gas il 21%. Il nuovo budget Cef-Energia per il periodo 2021-2027 vale 5,83 miliardi di euro, il programma di lavoro adottato ad agosto prevede 2,4 miliardi di euro di finanziamenti per i principali progetti di infrastrutture energetiche europee per il periodo 2021-23. Il bando sarà aperto fino al 19 ottobre 2021. Una volta valutate le domande, una decisione di aggiudicazione è attesa all'inizio del 2022.

L'assistenza finanziaria fornita nell'ambito di Cef Energy è allineata agli obiettivi di decarbonizzazione Ue. Il nuovo sistema introduce una nuova finestra per i progetti transfrontalieri nel campo delle energie rinnovabili, con uno stanziamento fino al 15% del bilancio Cef. Un primo bando per tali progetti (sotto forma di studi di prefattibilità) sarà lanciato nella seconda metà di settembre.

Il 14 settembre 2021 si terrà un’infoday sul bando.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: