Turchia: Fidanza (FdI), dopo parole Draghi segua riscossa Ue

Ora revocare status di candidato all'adesione all'Unione europea

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 09 APR - "Le immagini di Ursula Von der Leyen su un divanetto laterale e di Charles Michel incapace di reagire non sono un problema di protocollo o di galanteria ma rimarranno come simbolo potentissimo e tragico di un'Europa balbettante davanti a un satrapo autoritario". È quanto dichiara in una nota il responsabile Esteri e Capodelegazione di Fratelli d'Italia al Parlamento Europeo, Carlo Fidanza.

"Il tutto proprio nel momento in cui l'Ue avrebbe dovuto chiarire di non essere disponibile a tollerare oltre le provocazioni di Erdogan, le sue azioni nel Mediterraneo orientale ai danni di Grecia e Cipro, la sua presenza minacciosa in Libia e in Siria, il supporto ai miliziani jihadisti in Nagorno Karabakh, il sostegno all'Islam politico in Europa. Ci auguriamo che le dichiarazioni del premier Draghi e la solidarietà che sta ricevendo da tutta Europa segnino la strada di una riscossa europea nei rapporti con la Turchia di Erdogan, a partire dal ritiro dello status di candidato all'adesione all'Unione Europea, il cui permanere oggi più che mai appare assurdo e incomprensibile". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: