Percorso:ANSA > Europa > Economia e lavoro > Banche: stretta Ue su caro-conti, Italia al top

Banche: stretta Ue su caro-conti, Italia al top

Bruxelles contro tariffe opache, taglia tempi per cambio banca

08 maggio, 16:05
Banche: stretta Ue su caro-conti, Italia al top Banche: stretta Ue su caro-conti, Italia al top

BRUXELLES - Tariffe bancarie opache e tempi per cambiare banca troppo lunghi hanno convinto la Commissione Ue a lanciare una nuova normativa che taglia drasticamente i tempi e costringe gli istituti alla trasparenza sulle spese. L'Italia la piu' interessata dalla normativa, visto che e' il Paese europeo dove aprire un conto costa di piu' (250 euro in media) e dove e' meno semplice accede alle informazioni sui costi per comparare le offerte degli istituti. Il commissario al mercato interno Michel Barnier e' stanco di aspettare che le banche trovino da sole il modo per andare incontro ai consumatori: ''Abbiamo avuto risultati deludenti dall'autoregolamentazione, e quindi abbiamo deciso di intervenire'', ha spiegato oggi.

 

Tre gli ambiti d'intervento della nuova direttiva.

 

PRIMO: assicurare che tutti abbiano un conto in banca, e per questo la Commissione chiede agli Stati ''di garantire questo diritto'', cosi' come garantisce il rilascio di una carta d'identita'. Le banche quindi non avranno piu' scuse per negare l'apertura di un conto, dovranno abbattere tutti gli ostacoli e lo Stato dovra' garantire che almeno un istituto per ogni Paese dia un conto anche a chi non puo' permettersi di sostenere spese bancarie, quindi riducendo i costi al massimo o concedendolo gratuitamente.

 

SECONDO: le tariffe di un conto devono essere trasparenti, le banche avranno quindi l'obbligo di pubblicare un opuscolo con tutti i costi dei maggiori servizi e commissioni, nonche' i costi di chiusura del conto, spesso introvabili. E gli Stati dovranno creare un sito web indipendente dove pubblicare tutte le tariffe delle banche in modo da rendere semplice il confronto per il consumatore.

 

TERZO: il cambio di banca deve essere semplice e rapido, quindi la Commissione stabilisce un massimo di 15 giorni per compiere l'operazione, e chiede di garantire che tutte le domiciliazioni siano 'spostate' automaticamente nella nuova banca, qualora un cliente decida di cambiare istituto. ''Deve essere facile trasferire tutte le operazioni, perche' ad esempio il trasferimento delle domiciliazioni difficilmente avviene e scoraggia i clienti dal cambiare banca'', ha detto il commissario ai consumatori Tonio Borg. Secondo Bruxelles, con la nuova normativa che favorisce la concorrenza i costi dei conti scenderanno come conseguenza.


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA