Alcolici, spesa famiglie italiane seconda più bassa in Ue

Solo Spagna meno, Baltici-Est hanno record acquisti bottiglie

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 2 GEN - Le famiglie italiane sono le seconde in Europa per la spesa più bassa destinata agli alcolici, con lo 0,9% a pari merito con la Grecia, superate solo da quelle spagnole con 0,8%. Sono invece i Paesi baltici e dell'Est quelli che spendono di più in consumi tra i 28 per le bevande alcoliche, con l'Estonia prima con 5,2%, seguita da Lettonia (4,9%) e Lituania (4%), e poi a seguire Polonia (3,5%), Repubblica ceca (3,3%) e Ungheria (3%). E' quanto emerge dai dati Eurostat per il 2017. I tedeschi si situano nella parte bassa della classifica, vicino agli italiani, con 1,4% insieme ad austriaci e portoghesi. I francesi, invece, sono in posizione intermedia, con 1,8%. La spesa delle famiglie d'Italia è rimasta invariata nell'arco dell'ultimo decennio (0,9% anche nel 2007), sostanzialmente in linea con la media Ue che ha visto solo un leggerissimo aumento dello 0,1%, dall'1,5% all'1,6%. Grecia e Spagna hanno anche loro registrato una crescita simile (rispettivamente +0,2% e +0,1%). Ugualmente stabile la spesa dei tedeschi, mentre i francesi marcano un +0,2%. I Paesi che nell'arco degli ultimi dieci anni hanno segnato gli aumenti maggiori sono la Romania (+0,4%, da 2,3% a 2,7%) e il Portogallo (+0,3%, da 1,1% a 1,4%). Al contrario, c'è stato un netto calo di spesa in alcolici per le famiglie bulgare (-1,3%, da 3% da 1,7%), lituane (-0,7%, da 4,7% a 4%) e finlandesi (-0,5%, da 3,3% a 2,8%). Nel complesso, nel 2017 gli europei hanno 'investito' in media l'1,6% della loro spesa per i consumi in alcolici, per un totale di oltre 310 miliardi di euro equivalenti allo 0,9% del pil Ue e a oltre 300 euro per abitante. Queste cifre non includono, però, le bevande alcoliche consumate in ristoranti e hotel.(ANSA)
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: