Metsola alla Rada ucraina, 'faremo tutto per gli aiuti militari'

"Riaffermiamo il nostro impegno nei confronti dell'Ucraina come nazione europea"

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Quando ero alla Rada il primo aprile, ho detto che ricostruiremo insieme l'Ucraina. Oggi vado oltre. Questa è un'opportunità per trasformare l'Ucraina. Per ricostruire meglio un'Ucraina moderna, sostenibile, resiliente". Lo ha detto la presidente dell'Eurocamera Roberta Metsola, intervenendo in videocollegamento al Parlamento di Kiev in occasione della Giornata dello Stato ucraino. "So quanto sia essenziale per il resto del mondo democratico continuare a fornire sostegno militare all'Ucraina e, come ho promesso, io e il Parlamento Ue continueremo a fare tutto il possibile perché ciò avvenga", ha aggiunto.

"La giornata di oggi è simbolica non solo per l'Ucraina e per gli ucraini, ma per tutta l'Europa. È il giorno in cui riaffermiamo il nostro impegno nei confronti dell'Ucraina come nazione europea. Come nazione libera di fare le proprie scelte. Libera di scegliere il proprio destino. Libera e orgogliosa di difendere i valori che legano tutti noi. Putin vuole un futuro in cui esistano sfere d'influenza, in cui si chiudano cortine di ferro, in cui il potere sia giusto, e in cui la libertà e la dignità personale sono negate", ha sottolineato Metsola. "Con le sue azioni, è chiaro che la Russia vuole tornare a un passato che avevamo consegnato ai libri di storia. Un passato in cui l'integrità geografica dell'Europa e la libertà dell'Europa di scegliere con chi cooperare e come integrarsi è messa in discussione. Per lui il vero nemico sono la democrazia, la libertà e la verità. Il nostro stile di vita è visto come una minaccia all'autocrazia. Questo è ciò che è in gioco. È un passato a cui non possiamo tornare. Non accetteremo mai l'invasione di un Paese europeo pacifico e indipendente come l'Ucraina. Non chiuderemo mai gli occhi di fronte alle atrocità e ai crimini commessi dalla Russia sul territorio ucraino. Quello che è successo a Irpin, a Bucha, a Mariupol, in tante altre città. Non dimenticheremo mai che oltre 6 milioni di ucraini sono stati costretti a fuggire dal Paese e altri 8 milioni sono stati sfollati internamente", ha rimarcato la presidente dell'Europarlamento. "E ricorderemo sempre il coraggio, la sfida e la resistenza degli ucraini. Amici, permettetemi di dire che siamo con voi e saremo con voi quando inizierete a ricostruire di nuovo" l'Ucraina, ha aggiunto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie