Borrell, Bruxelles valuti sequestro riserve Mosca per ricostruzione

Ha detto all'Ft l'Alto rappresentante per la politica estera Ue

Redazione ANSA
ROMA - L'Unione Europea dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di sequestrare le riserve valutarie russe congelate per aiutare a pagare il costo della ricostruzione dell'Ucraina dopo la guerra: lo ha detto l'Alto rappresentante per la politica estera Ue, Josep Borrellin un'intervista al Financial Times.
L'Ue e i suoi alleati occidentali hanno imposto restrizioni alle riserve internazionali della banca centrale russa da quando il Mosca ha invaso l'Ucraina. Secondo Borrell 
sarebbe logico per l'Ue fare ciò che gli Stati Uniti hanno fatto con le attività della banca centrale afgana dopo che i talebani hanno preso il potere: "Abbiamo i soldi in tasca e qualcuno deve spiegarmi perché va bene per i soldi afgani e non per quelli russi", ha detto l'Alto rappresentante.
All'inizio della guerra l'Ue e i suoi alleati hanno congelato centinaia di miliardi di dollari di riserve valutarie parcheggiate nei conti della banca centrale russa. Da parte sua, la Russia aveva fatto sapere a marzo che le sanzioni avevano congelato circa 300 miliardi di dollari dalle sue riserve auree e in valuta, che ammontano a totale di oltre 600 miliardi di dollari.
Washington ha congelato i fondi afgani dopo l'ascesa al potere dei talebani e prevede di usarne una parte per aiutare la popolazione e una parte per compensare le vittime del terrorismo.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: