Violenza domestica, la Corte di Strasburgo condanna l'Italia

Per caso bimbo ucciso da padre a Scarperia,'procuratori passivi'

Redazione ANSA

STRASBURGO - La Corte europea dei diritti dell'uomo (Cedu) ha condannato l'Italia per non aver protetto una donna e i suoi figli dalla violenza domestica terminata in tragedia. I fatti risalgono al settembre del 2018 a Scarperia (Firenze), quando un uomo uccise a coltellate il figlio di un anno, ferendo in modo grave anche la convivente e cercando di uccidere l'altra figlia. "I procuratori - si legge nella sentenza - sono rimasti passivi di fronte ai gravi rischi che correva la donna e con la loro inazione hanno permesso al compagno di continuare a minacciarla e aggredirla". Lo Stato dovrà versare alla donna 32mila euro per danni morali.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: