Stop ad alcune regole Ue sull'asilo per Polonia-Lettonia-Lituania

Bruxelles concede più flessibilità per contrasto crisi in Bielorussia

Redazione ANSA

BRUXELLES - La sospensione di alcune regole su asilo e rimpatri Ue dando maggiore flessibilità a Polonia, Lettonia e Lituania. E' questa la proposta "straordinaria e valida per 6 mesi" che la Commissione Ue recapita al Consiglio europeo come nuova misura contro "l'attacco ibrido" della Bielorussia. La proposta prevede procedure nazionali semplificate per i rimpatri e l'estensione del periodo di registrazione per le domande di asilo a 4 settimane, invece del tetto di 10 giorni previsto in via generale. Gli Stati potranno decidere "luoghi specifici" per la permanenza temporanea dei migranti.

"Ottomila migranti finora hanno attraversato le frontiere e si trovano in Lituania, Polonia o Lettonia, in centri di accoglienza. Diecimila migranti sono arrivati in Germania. I numeri sono contenuti, non è una crisi migratoria ma un attacco ibrido. La situazione di questi migranti ha bisogno del nostro aiuto", spiega la Commissaria per gli Affari Interni Ylva Johansson sottolineando come la proposta di maggiore conformità non deroga ai principi europei e viene avanzata sulla base dell'articolo 78 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, che prevede misure straordinarie a favore di alcuni Stati membri, che il Consiglio deve approvare a maggioranza qualificata.

Nella proposta si prevede che lo Stato, nella porocedura di frontiera, abbia fino a 16 settimane per rispondere ad una domanda di asilo a meno che non sia in grado di assistere un richiedente con problemi di salute. "Non stiamo legalizzando i respingimenti", sottolinea Johansson rispondendo ad una delle domande dei cronisti.

"Quelle che proponiamo oggi sono misure eccezionali per rispondere a circostanze eccezionali". Così il vicepresidente della Commissione europea, Margaritis Schinas, presentando l'iniziativa per sostenere Lituania, Lettonia e Polonia a far fronte alla situazione alle frontiere con la Bielorussia. Schinas ha inoltre informato che nella revisione del codice Schengen "sarà mosso un passo avanti perché sarà introdotta la definizione" dell'attacco ibrido.

"Non ci sarà mai un migliore momento di questo per raggiungere un accordo sul patto per la migrazione e l'asilo. L'opinione pubblica ne vede i benefici. Nella proposta abbiamo anticipato tutto quello che è accaduto. Se non si raggiunge un'intesa è come essere su un aereo, avere un paracadute, e decidere di lanciarsi senza". Lo ha detto il vicepresidente della Commissione europea, Margaritis Schinas.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: