Nato, preoccupano le provocazioni della Russia in Ucraina, si fermi

presenza Nato in Mar Nero è difensiva Come anche nelle regioni baltiche

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Abbiamo discusso della situazione in Ucraina. Nelle ultime settimane c'è stata una grande ed insolita concentrazione di forze russe sui confini dell'Ucraina. La Nato rimane vigile e stiamo monitorando la situazione e ci consultiamo con i nostri alleati e partner e con la Ue". Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg in un punto stampa con il ministro degli esteri dell'Ucraina Dmytro Kuleba oggi a Bruxelles. "Qualsiasi provocazione aggiuntiva o azione ostile da parte della Russia sarebbe causa di significativa preoccupazione", ha aggiunto.

"La presenza della Nato nel Mar Nero e nelle regioni baltiche è difensiva". Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg in un punto stampa con il ministro degli esteri dell'Ucraina Dmytro Kuleba oggi a Bruxelles. "Dobbiamo prevenire una escalation e ridurre le tensioni - ha aggiunto - tutti gli alleati sono uniti nel condannare il comportamento aggressivo della Russia" in Ucraina. "Chiediamo alla Russia di essere trasparente sulle attività militari, di ridurre le tensioni e prevenire un'escalation", ha precisato il politico norvegese

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: