Michel al Summit Ue-Ucraina, impegno a rafforzare integrazione politico-economica

Accesso di Kiev anche a fondi Ue di ricerca e cultura

Redazione ANSA

BRUXELLES - "L'Unione europea rimane l'amico più stretto dell'Ucraina". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio europeo Charles Michel che oggi è a Kiev in occasione del summit Ue-Ucraina. Il politico belga ha postato una foto che lo ritrae con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

"La questione energetica è uno dei punti importanti che abbiamo discusso oggi, lavoreremo nei prossimi mesi in modo strategico su questo tema che ha delle ricadute sulle famiglie, sulla competitività delle imprese e a livello geo-politico", ha aggiunto Michel alla conferenza stampa a Kiev. Michel ha posto poi l'accento sul rispetto dei "valori fondamentali, di libertà e democrazia" e sull'impegno di Kiev ad attuare le riforme, che ha un impatto "sul nostro accordo di cooperazione". "Ribadiamo la sovranità e integrità territoriale dell'Ucraina e la condanna dell'annessione della Crimea e Sebastopoli", ha poi aggiunto Michel che insieme a von der Leyen e al presidente ucraino ha firmato tre accordi.

 

Il vertice riaffermerà il continuo impegno a rafforzare l'associazione politica e l'integrazione economica dell'Ucraina con l'Unione europea e il fermo sostegno dell'Ue all'indipendenza, alla sovranità e all'integrità territoriale dell'Ucraina, si legge in una nota del Consiglio. In particolare, le discussioni saranno incentrate sui risultati conseguiti nell'attuazione dell'accordo di associazione Ue-Ucraina e della sua zona di libero scambio globale. Ma anche un ulteriore rafforzamento dell'integrazione economica in diversi settori tra cui clima, energia, telecomunicazioni, connettività, aviazione, istruzione e ricerca.

La discussione verterà anche su un ulteriore rafforzamento della cooperazione nella lotta alle minacce ibride e alla disinformazione, la cooperazione nell'affrontare l'impatto della pandemia di Covid-19. Le relazioni Ue-Ucraina si basano su un accordo di associazione (Aa) entrato in vigore nel 2017. La parte economica dell'Aa è una zona di libero scambio globale e approfondita (Dcfta).

"Questa mattina a Kiev in vista del summit Ue-Ucraina, ho discusso con Dmytro Kulebala il peggioramento della situazione in Ucraina orientale e l'attuazione degli accordi di Minsk. L'Ue sostiene fermamente la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina". Così via Twitter l'Alto rappresentante Ue, Josep Borrell, in seguito all'incontro con il ministro degli Affari esteri ucraino a Kiev

"L'Ue e l'Ucraina condividono un legame profondo e speciale. Una partnership reciprocamente vantaggiosa che dobbiamo coltivare". Lo scrive su Twitter la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, a margine del summit Ue-Ucraina in corso a Kiev. La leader esorta a confermare "l'ambizione" del legame con Kiev e a "esplorare cosa possiamo fare di più insieme".

"L'Ucraina è un Paese sovrano e indipendente, capace di definire le sue priorità politiche. Noi siamo molto vicini e cresciamo insieme e questo è un processo in corso, che comprende il processo delle riforme e una graduale integrazione economica", ha aggiunto von der Leyen alla conferenza stampa a Kiev.

L'Ucraina entra a far parte dei programmi Ue di ricerca e innovazione Horizon Europe e Euratom e nel programma Ue di sostegno al settore culturale e creativo Creative Europe. Grazie alla firma avvenuta a Kiev a margine del vertice Ue-Ucraina, i ricercatori ucraini potranno ora partecipare, alle stesse condizioni delle entità degli Stati membri dell'Ue, a Horizon Europe e Euratom i cui bilanci rispettivi di 95,5 miliardi di euro 1,38 miliardi di euro sono destinati alla cooperazione internazionale in materia di ricerca e innovazione.

Alle organizzazioni culturali e creative ucraine invece sarà possibile accedere, sempre a pari condizioni, al programma Creative Europe ed al suo fondo da 2,44 miliardi di euro dedicato a sostenere e promuovere il patrimonio culturale, la creatività e la competitività del settore. Lo riferisce in una nota la Commissione europea.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: