L'Ecofin approva il Pnrr dell'Italia da 191,5 miliardi

Via libera anche ad altri 11 Paesi. Primi fondi a fine luglio. Franco: '25 miliardi del Recovery tra fine luglio-inizio agosto'. Palazzo Chigi: 'Si parte, pronti a costruire l'Italia di domani'

Redazione ANSA

Dopo la vittoria calcistica l'Italia festeggia un altro successo, sebbene annunciato ormai da tempo. Il piano di rilancio e resilienza del governo Draghi ha avuto anche l'ultimo via libera dall'Ecofin e il Paese si prepara ad accogliere la pioggia di fondi senza precedenti del Recovery fund. Sono 191,5 i miliardi di euro che arriveranno nei prossimi cinque anni, e subito, cioè tra due-tre settimane, nella casse del Tesoro planeranno i primi 25 miliardi in un unico versamento. Se il via libera dei ministri dell'economia europei era scontato, non lo era l'assenza di discussioni nel merito dei piani, tutti approvati senza nessun commento da parte dei presenti.

"Vorrei cominciare questo Consiglio dei ministri con una buona notizia. Il Consiglio dell'Economia e delle Finanze dell'Unione Europea ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dell'Italia, insieme a quello di altri 11 Paesi. Questo via libera arriva dopo quello della Commissione Europea, che ci era stato comunicato dalla Presidente von der Leyen durante la sua visita a Roma di qualche settimana fa. L'Italia riceverà a breve circa 25 miliardi di euro, il 13% delle risorse totali destinate al nostro Paese. Questa decisione deve essere motivo di orgoglio per l'Italia", così il premier Mario Draghi all'inizio del Cdm. Il Recovery plan "è il risultato della stretta collaborazione che c'è stata all'interno del Governo e tra i ministeri. È stato approvato a larga maggioranza in Parlamento, e dopo il pieno coinvolgimento degli enti territoriali e delle parti sociali - ha detto Draghi in Cdm -. Ma deve essere anche uno stimolo a spendere bene i soldi che ci arriveranno, e a approvare in tempi rapidi le riforme che abbiamo concordato con la Commissione Europea. Questi sono infatti i presupposti necessari per ricevere tutti i 191,5 miliardi, in prestiti e sussidi. E per continuare a mostrarci un Paese credibile e affidabile".  Spendere bene i fondi del Recovery plan e approvare in tempi rapidi le riforme sono i presupposti "per continuare a mostrarci un Paese credibile e affidabile. Un ruolo che, grazie al vostro lavoro, ci viene riconosciuto ogni giorno di più", ha detto il presidente del Consiglio, a quanto viene riferito, aprendo il Consiglio dei ministri.

"#ItaliaDomani si parte! Con il via libera dell'Ecofin a breve arriveranno i primi fondi per l'attuazione del nostro Pnrr. Siamo pronti a costruire un'Italia più verde, innovativa e inclusiva. L'Italia di domani", così sul profilo Twitter di Palazzo Chigi, dove compare un video con una grafica tricolore che compone la scritta Italia domani, il titolo dato dal governo italiano al Piano nazionale di ripresa e resilienza. 

 

Le previsioni economiche della Ue sull'Italia "ci hanno smentito in meglio", ma comunque si tratta "di un rimbalzo rispetto ai 9 punti persi l'anno scorso, quindi dobbiamo tenerne conto, ce ne restano altri 4 da recuperare. Nel terzo trimestre dell'anno prossimo torneremo ai livelli di crescita pre-crisi", ha detto il ministro dell'economia Daniele Franco al termine dell'Ecofin. "Ci aspettiamo il versamento nelle prossime settimane, luglio o prima parte di agosto", e verrà fatto "in un'unica soluzione. Ci aspettiamo 25 miliardi tra qualche settimana", ha aggiunto.

La vittoria della nazionale di calcio agli europei, dei Maneskin all'Eurovision e il secondo posto di Berrettini a Wilbledon "sono segni di dinamismo e creatività del Paese che dovrebbero estendersi alla sfera economica". "Per un Paese come il nostro che ha avuto per anni un problema di dinamismo e difficoltà di innovazione, creatività, e carenza di fiducia, queste notizie che non hanno a che fare strettamente con l'economia possono dare fiducia nel Paese e del Paese", ha aggiunto.

I ministri dell'economia e delle finanze dei 27 Stati membri hanno dato intanto il via libera ai Pnrr di dodici Paesi. Oltre a quello dell'Italia l'ok è arrivato per quelli di Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna. "Tutti i 12 Stati membri hanno chiesto un prefinanziamento dai fondi loro assegnati. Le decisioni adottate oggi dal Consiglio costituiscono l'ultima tappa prima che gli Stati possano concludere convenzioni di sovvenzione e accordi di prestito con la Commissione e iniziare a ricevere fondi per attuare i rispettivi piani nazionali", scrivono i ministri nel comunicato finale.

 

Per il presidente di turno dell'Ecofin, il ministro sloveno Andrej Šircelj, le decisioni di oggi "rappresentano un importante passo avanti nella ripresa economica europea", poiché "consentiranno agli Stati membri di utilizzare i fondi non solo per uscire dalla crisi Covid-19, ma anche per creare un'Europa resiliente, più verde e più digitale, innovativa e competitiva per le prossime generazioni dell'Ue". 

"E' un giorno importante, abbiamo 12 Pnrr che devono essere approvati ed è la vera partenza del Recovery plan e del Next generation EU. Nelle prossime settimane il pre-finanziamento arriverà a questi 12 e credo sia importante che l'approvazione finale arriva esattamente quando la ripresa è in corso, perché rafforzerà la fiducia nei mercati, nei Paesi e consentirà a investimenti e riforme di cominciare", ha detto il commissario all'economia Paolo Gentiloni entrando all'Ecofin. "Siamo tutti impegnati a farlo funzionare, ma quello che succederà nei prossimi, mesi, anni è la parte decisiva di questo programma straordinario e senza precedenti", ha aggiunto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: