Primi piani Recovery approvati all'Ecofin del 18 giugno

Francia e Slovacchia hanno consegnato i piani nazionali

Redazione ANSA

BRUXELLES - "La presidenza portoghese metterà in calendario l'approvazione dei primi piani" di Recovery "all'Ecofin del 18 giugno. Siamo anche pronti a convocare un Ecofin straordinario l'ultima settimana di giugno per approvare la seconda ondata di piani. Non possiamo perdere altro tempo, dobbiamo rilanciare la ripresa": lo annuncia su Twitter il premier portoghese Antonio Costa, che detiene la presidenza di turno della Ue, congratulandosi con Francia, Germania e Grecia per l'invio dei piani. Il Portogallo è stato il primo a presentarlo.

Intanto la Francia ha consegnato alla Commissione europea il suo piano nazionale di ripresa e di resilienza, necessario per accedere alle risorse del Recovery Fund. Parigi ha chiesto un importo totale di 40,9 miliardi di euro sotto forma di sovvenzioni.

"Il piano francese si basa sui tre pilastri della resilienza, della trasformazione verde e della trasformazione digitale", scrive in una nota la Commissione Ue, sottolineando che "pone un accento particolare sulla lotta al cambiamento climatico attraverso investimenti in efficienza energetica, trasporti sostenibili e tecnologie verdi".

La Commissione ha ricevuto, inoltre, il piano ufficiale di Recovery della Slovacchia, che contiene riforme e investimenti che il Paese intende fare con i fondi Ue. Lo rende noto la Commissione, ricordando che finora sono arrivati cinque piani, cioè quelli di Francia, Germania, Portogallo, Grecia e Slovacchia. Bruxelles sottolinea che ha due mesi per esaminarli.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: