Kyriakides, serve approccio coordinato in Ue

'Dobbiamo parlare con una sola voce per aumentare la fiducia'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "L'esperienza di AstraZeneca dimostra che il nostro sistema di farmacovigilanza funziona. Ma è essenziale che seguiamo un approccio coordinato in tutta l'Unione Europea: dobbiamo parlare con una sola voce per aumentare la fiducia del pubblico nelle vaccinazioni". Lo scrive su Twitter la commissaria alla salute Ue Stella Kyriakides a margine dell'incontro tra i ministri della sanità Ue sul caso AstraZeneca.

In questa fase non c'è ancora una decisione dei 27 dell'Ue per restrizioni alla somministrazione del vaccino di AstraZeneca per fasce di età, secondo quanto si apprende a Bruxelles. Le discussioni con l'Ema su un approccio comune, sostenuto dalla maggior parte degli Stati membri proseguiranno. Kyriakides ha chiesto ai ministri di incaricare esperti affinché lavorino all'interno dell'Ema per sviluppare un approccio coordinato in tutta l'Ue basato su ulteriori orientamenti e studi sui gruppi di età.

"La sicurezza dei nostri vaccini è sempre stata fondamentale. La valutazione dell'Ema mostra che il nostro sistema di farmacovigilanza funziona: i sospetti effetti collaterali vengono segnalati rapidamente, gli esperti si riuniscono rapidamente per valutare tutte le prove disponibili. Le nostre decisioni - ha affermato la commissaria Ue - ora devono essere basate sul lavoro scientifico dell'Ema e su una valutazione rigorosa e continua dei rischi e dei benefici. Oggi ho invitato i ministri della salute a seguire un approccio coordinato in tutta Europa".

La ministra portoghese della Salute, Marta Temido, ha sottolineato: "Questa è una decisione tecnica. Non è una decisione politica. Dobbiamo continuare a seguire le migliori informazioni scientifiche fornite dall'Ema nei suoi pareri. Non dobbiamo dimenticare che le decisioni individuali riguardano tutti ".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: