Ecofin, obiettivo accordo Ocse entro metà anno su digital tax

Ma senza intesa globale Ue procederà da sola

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - L'Ecofin continua a sostenere gli sforzi dell'Ocse sulla digital tax, che hanno ancora l'obiettivo di raggiungere un accordo entro metà anno. Il presidente di turno dell'Ecofin, il portoghese Joao Leao, ha spiegato che la Ue è ancora convinta che la soluzione migliore sulla tassazione dei giganti del web sia trovare un consenso a livello globale, soprattutto ora che l'amministrazione Usa è guidata da Joe Biden. "Trovare un consenso globale, un un contesto multilaterale, è la strada giusta", ha detto al termine della riunione, confermando però anche la volontà della Ue di procedere da sola con una soluzione soltanto europea "se non ci sarà un accordo all'Ocse". I capi di Stato e di governo torneranno sulla questione nel vertice Ue della prossima settimana.

Intanto, entro il 2023 la Commissione dovrà presentare una proposta per una web tax Ue, che sarà uno strumento separato dalla digital tax Ocse. La web tax Ue farà parte delle cosiddette risorse proprie del bilancio Ue, che serviranno a ripagare il debito che la Commissione emette con il Recovery fund.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: