Ue, vaccino Sputnik resta fuori dalla nostra strategia

Portavoce Commissione: 'Paesi possono concedere ok d'emergenza'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Attualmente non sono in corso colloqui per integrare lo Sputnik V nella strategia Ue sui vaccini". Così un portavoce della Commissione Ue ha replicato all'annuncio dell'avvio della produzione del vaccino russo Sputnik in un impianto in Italia. Gli Stati membri, ha ricordato il portavoce, possono sempre "concedere l'approvazione del vaccino Sputnik" nell'ambito dell'autorizzazione per uso di emergenza, ma "in questo caso la responsabilità spetterà allo Stato membro e non all'azienda, come sarebbe se il vaccino ottenesse l'autorizzazione all'immissione in commercio dell'Ue".

Il portavoce ha poi osservato che "la strategia dell'Ue sui vaccini è una strategia comune della Commissione e degli Stati membri. Quindi - ha concluso - la Commissione e gli Stati membri possono sempre decidere insieme di diversificare ulteriormente il proprio portafoglio vaccini".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: