Ue ribadisce la ferma condanna del golpe militare in Birmania

'Rilasciare gli arrestati, porre fine allo stato di emergenza'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "L'Unione europea condanna con la massima fermezza il colpo di stato militare in Myanmar". Così in una nota l'Alto rappresentante Ue Josep Borrell a nome della Ue. "Chiediamo ai militari di rilasciare subito e e senza condizioni il Presidente, il Consigliere di Stato e tutti coloro che sono stati arrestati, esercitare la massima moderazione, ripristinare le telecomunicazioni e rispettare i diritti umani, la libertà di espressione, le libertà fondamentali e lo Stato di diritto - precisa la nota -. Chiediamo inoltre di porre immediatamente fine allo stato di emergenza e di ripristinare il governo civile".

 "L'Unione europea si aspetta che la sicurezza dei cittadini sia del Myanmar che dei suoi Stati membri sia sempre garantita e prenderà in considerazione tutte le opzioni a sua disposizione per garantire che la democrazia prevalga", continua la nota. Il colpo di stato militare "è un tentativo inaccettabile di ribaltare con la forza la volontà del popolo del Myanmar. E' illegale" ed è "contro i principi della democrazia e porta indietro il Paese".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: