Trasporti, il Parlamento Ue chiede di accelerare i lavori su rete Ten-T

Evi, Tav ha insostenibile impatto ambientale e climatico

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il Parlamento europeo chiede alla Commissione Ue di svolgere un ruolo più attivo nel completare rapidamente la rete di trasporti transeuropea Ten-T. Gli eurodeputati hanno approvato una risoluzione per la revisione degli orientamenti della rete Ten-T con 657 voti favorevoli, 8 contrari e 25 astensioni. In particolare, gli europarlamentari chiedono interventi per accelerare i lavori della Ten-T, migliorare la qualità della rete stradale in tutta Europa, l'intermodalità dei trasporti, la ricerca e lo sviluppo di tecnologie per ridurre le emissioni anche del trasporto aereo.

Durante il dibattito in plenaria, l'eurodeputata dei Verdi, Eleonora Evi ha invece sottolineato la sua contrarietà al completamento del progetto per l'alta velocità, Torino-Lione (Tav). "Ho ribadito la necessità di investire sui piccoli collegamenti transfrontalieri ancora mancanti e sul trasporto ferroviario locale e regionale e, di contro, smettere di finanziare quelle grandi opere come la Tav Torino-Lione, di cui non si ravvisa alcuna necessità e che, anzi, hanno un enorme e insostenibile impatto climatico e ambientale. Bisogna usare in maniera intelligente i finanziamenti del Recovery Plan" ha concluso Evi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie