Italia e altri Med per ricollocamenti obbligatori

Visegrad a Ue, noi contro obbligo accoglienza

Redazione ANSA

BRUXELLES - Introduzione di un sistema obbligatorio per il ricollocamento tra Paesi dei migranti arrivati sul territorio Ue e superamento del principio della responsabilità del primo Paese d'ingresso per i richiedenti asilo: sono due dei principali interventi che Italia, Cipro, Grecia, Malta e Spagna giudicano necessari per impostare una nuova politica Ue per l'immigrazione e l'asilo. Il 'non paper' è stato presentato oggi dalla ministra Luciana Lamorgese ai suoi colleghi durante la videoconferenza dei ministri dell'Interno Ue. 

La "solidarietà e un'equa condivisione delle responsabilità", si legge nel documento dei cinque Paesi Med in prima linea su questo fronte, "devono essere alla base del nuovo Patto europeo sull'immigrazione e l'asilo. Il 'non paper' è stato illustrato non a caso oggi, quando la Germania ha presentato le sue priorità - tra cui la riforma di Dublino e un nuovo Patto sull'immigrazione - per la presidenza di turno dell'Unione che assumerà dal primo luglio prossimo. Per cercare di superare il problema degli sbarchi dei migranti salvati dalle unità che incrociano nelle zone SAR (search and rescue) davanti alla Libia, i cinque Paesi Med sottolineano che queste operazioni vanno considerate come la conseguenza del rispetto degli obblighi imposti dalle legge del mare e non come il risultato di un controllo inefficiente delle frontiere marittime. E specificano che in questi casi si deve applicare il meccanismo obbligatorio di ripartizione. "In caso di una pressione migratoria sproporzionata sui Paesi di confine che si affacciano sul Mediterraneo - si legge nel documento - deve essere proposto un luogo sicuro alternativo per lo sbarco". Parallelamente sarebbe necessario adottare linee guida comuni rispetto alle attività condotte nelle zone SAR anche da unità private. E un "meccanismo comune europeo" che garantisca l'esecuzione dei rimpatri. Anche per la riforma del sistema d'asilo (Dublino) i cinque Paesi Med puntano sull'introduzione di un meccanismo "prestabilito, obbligatorio e automatico" basato su una ridistribuzione 'pro quota' tra gli Stati membri. E questo per rimediare agli squilibri generati dal principio della responsabilità del Paese di primo ingresso, principio "concepito in un contesto diverso" dall'attuale. "In un sistema di ricollocamenti obbligatori - si legge ancora nel documento - giudichiamo accettabile che il Paese d'arrivo debba farsi carico solo" dei primi accertamenti necessari per verificare l'identità del richiedente asilo edei necessari controlli di sicurezza e sanitari.

"La riforma della politica di asilo europea deve basarsi sul consenso di tutti gli Stati membri. Reiteriamo la nostra forte opposizione ai ricollocamenti obbligatori di richiedenti asilo e migranti". Questo il messaggio principale della lettera inviata alla Commissione Ue dai ministri dell'Interno del gruppo di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria) più Estonia, Lettonia e Slovenia, in merito al Patto europeo sulla migrazione e l'asilo che l'esecutivo presenterà nelle prossime settimane. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: