Sassoli, crisi sanitaria non sfoci in crisi economica-sociale

A situazione straordinaria corrispondano risposte straordinarie

Redazione ANSA

BRUXELLES - "La grave crisi sanitaria che stiamo attraversando non sfoci in una crisi finanziaria, economica, sociale e politica. L'urgenza e la natura esterna e simmetrica della crisi impongono di pensare a uno strumento di medio e lungo periodo per rilanciare l'economia europea e proteggere l'occupazione e il nostro modello sociale". Così il presidente del Parlamento Ue David Sassoli nel suo intervento al Consiglio europeo dove ha chiesto "responsabilità anche da parte vostra" e che "nessuno si tiri indietro".

Il presidente del Pe ha ricordato gli "sforzi importanti" delle istituzioni europee e ha definito "importante che si lavori ad una opzione per aumento di capitale della Bei, a sostegno soprattutto delle pmi. Adesso concentriamo su strumenti nuovi, sapendo che a situazione straordinaria devono corrispondere risposte straordinarie". "Riteniamo, come molti di voi, che sia necessario lavorare a un meccanismo comune di debito, emesso da una istituzione europea, che ci consentirà di raccogliere fondi sul mercato alle stesse condizioni per tutti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: