Italia guarda alla Cina per rendere più 'smart' le sue città

Pechino leader con 1000 progetti. Mercato da 634 miliardi nel 2023

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Le città del futuro saranno sempre più 'smart' e l'Italia è chiamata a raccogliere la sfida dell'intelligenza artificiale lanciata dalla Cina, leader nel settore con 1000 progetti in fase di realizzazione, di cui 500 nazionali. E' il tema al centro del dialogo su Smart Cities e trasformazione digitale, promosso da ChinaEU e Link Campus University e con il supporto di Roma Capitale, Confindustria Digitale, Italia Startup, Fondazione Bruno Kessler, Federturismo Confindustria, Seed & Chips, in programma a Roma il 22 marzo a margine della visita del presidente cinese Xi Jinping in Italia.

Politici di alto livello, rappresentanti di città, industrie e aziende italiane e cinesi si riuniranno per condividere esperienze, progetti e soluzioni sulla trasformazione digitale delle città. Sotto i riflettori, in particolare, lo sviluppo della mobilità intelligente. Entro il 2023 - spiega ChinaEU - si stima che il mercato globale delle città 'smart' possa raggiungere circa 634 miliardi di euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: