Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Germania: Oettinger, probabili ritardi in riforma eurozona

Germania: Oettinger, probabili ritardi in riforma eurozona

Serve governo stabile pro Ue. Perse Ema-Eba perché no esecutivo

23 novembre, 16:34
Germania: Oettinger, probabili ritardi in riforma eurozona Germania: Oettinger, probabili ritardi in riforma eurozona

BRUXELLES - "È verosimile che ci saranno ritardi" nelle discussioni sulla riforma dell'eurozona, sebbene queste "siano dovute da tempo" a causa della situazione politica in Germania. Lo ha affermato il commissario Ue al bilancio, il tedesco vicino alla Merkel Guenther Oettinger. La trasformazione dell'Esm in un Fmi europeo, un bilancio per l'eurozona e un ministro delle finanze europeo "sono questioni che non possono essere analizzate senza la Germania", ha avvertito Oettinger.

 

"La Germania ha bisogno di un governo stabile, che sia di maggioranza o di minoranza" ma al momento "un governo di minoranza o nuove elezioni sono l'ultima opzione", con i partiti che stanno "esplorando ulteriormente le opzioni di un governo di maggioranza". Lo ha affermato il commissario Ue al bilancio, il tedesco vicino alla Merkel Guenther Oettinger, sottolineando che Bruxelles "non ha una preferenza particolare se non quella di un governo che cooperi all'agenda europea e che non lavori contro di noi, che sia Giamaica o Grande coalizione non importa purché lavori con noi".

 

Il cattivo risultato delle candidature tedesche per ospitare l'Agenzia del farmaco e l'Autorita bancaria europea dopo la Brexit dipende almeno in parte dalla crisi politica che vive la Germania. E' l'opinione del commissario Ue al bilancio, il tedesco vicino alla Merkel Guenther Oettinger. "Il fatto che le candidature di Bonn e Francoforte" per Ema e Eba "non abbiano avuto successo è probabilmente dovuto in parte anche alla presenza" in questo momento "di un governo ad interim" in Germania "che ne limita parzialmente la sua funzionalità", ha affermato dopo l'incontro con il presidente del Baden-Württemberg.

 


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA