Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Ogm:no autorizzazione Italia a coltura mais gia'decisa da Ue

Ogm:no autorizzazione Italia a coltura mais gia'decisa da Ue

Ordinanza Corte giustizia Ue nel procedimento penale Fidenato

24 maggio, 18:30
(ANSA) – LUSSEMBURGO, 24 MAG – Le autorita’ italiane non possono imporre un ulteriore procedura di autorizzazione per la messa a coltura in Italia di mais ogm (il Mon810) gia’ autorizzato dall’Ue in virtu’ di procedure comunitarie, e neppure sanzionare penalmente colui che non vi si adegua. Lo afferma un’ordinanza della Corte di giustizia Ue nell’ambito del procedimento penale a carico di Giorgio Fidenato, accusato di aver messo in coltura mais ogm senza previa autorizzazione nazionale. I giudici europei nella loro ordinanza ribadiscono che la messa in coltura di ogm quali il mais Mon 810, ''non puo' essere assoggettata a una procedura nazionale di autorizzazione'' in quanto l'impiego e la commercializzazione di quelle varieta' sono state autorizzate dal Parlamento europeo e dal Consiglio dei ministri dell'Ue.

La Corte di giustizia europea precisa anche che uno Stato membro non puo' opporsi in via generale alla coltura sul suo territorio di Ogm, nel caso specifico il mais Mon 810, nell'attesa dell'adozione di misure di 'coesistenza' (tra produzioni biologiche e tradizionali da un lato e produzioni Ogm dall'altro) per evitare la presenza di organismi geneticamente modificati in altre colture. E questo in base all'articolo 26 bis della direttiva europea sull'emissione deliberata nell'ambiente di Ogm.

I giudici europei ricorrono ad un ordinanza per rispondere alle domande pregiudiziali dei colleghi del Tribunale di Pordenone, nel procedimento penale a carico di Giorgio Fidenato, in quanto sulla stessa questione si sono gia' pronunciati nel settembre 2012, nella sentenza Pioneer Hi Bred Italia. Sentenza con cui hanno statuito il diritto a seminare mais Ogm autorizzato dall'Ue e affermato che le norme sulla 'coesistenza' non sono vincolanti per coltivazione in Europa.

Fidenato e' imputato dinanzi al Tribunale di Pordenone per avere messo a coltura nella primavera del 2010 una varieta' di mais ogm Mon 810, senza avere ottenuto, per l'appunto, l'autorizzazione nazionale prevista dal decreto legislativo del 2001.(ANSA).


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA