Percorso:ANSA > Europa > Altre news > Derivati: commissione Pe contro immunita' per Albertini

Derivati: commissione Pe contro immunita' per Albertini

In causa intentata da pm Robledo accusato di 'metodi da Gestapo'

25 aprile, 18:44
(ANSA) - BRUXELLES, 25 APR - La commissione affari giuridici (Juri) del Parlamento europeo ha espresso parere contrario al mantenimento della immunita' per Gabriele Albertini nella causa per risarcimento danni intentata contro l'ex sindaco di Milano dal magistrato milanese Alfredo Robledo, titolare dell'inchiesta sui derivati acquistati dal Comune di Milano nel 2005, ed accusato da Albertini di aver usato ''metodi da Gestapo'' nell'interrogatorio di un testimone nell'ambito di un altra inchiesta.

Il relatore parlamentare, il socialdemocratico tedesco Bernhard Rapkay, ha proposto la revoca dell'immunita' approvata con 22 voti a favore, 2 contro e 1 astenuto. Ma sara' il voto nella plenaria di maggio del Parlamento a Strasburgo a confermare o meno il parere della Juri.

In commissione Giuseppe Gargani (Udc) ha espresso uno dei due voti a favore della conferma della immunita' per ''una questione di principio, perche' e' dovere di un parlamentare segnalare le situazioni che ritiene non corrette'', perche' ''ha dato un giudizio molto generale e senza fare nomi su metodi adottati dal Tribunale di Milano e sul comportamento di alcuni giudici'' e perche' ''esiste evidente fumus persecutionis'' contro Albertini.

Alla base della causa per diffamazione intentata da Robledo contro Albertini, secondo quanto riportato nella relazione Rapkay, due interviste concesse al Sole 24 ore (26 ottobre 2011) e al Corriere della Sera (19 febbraio 2012), in cui giudicava tra l'altro come ''arbitarie'' le indagini sul caso derivati.

Inoltre affermava: ''L' inchiesta parte dallo stesso pm che interrogava di notte con metodi da Gestapo i consiglieri comunali e i dirigenti del Comune sugli emendamenti in bianco, poi dimostratosi un reato inconsistente. Il pm che ha insabbiato il fascicolo Serravalle per oltre sei anni, prima che i suoi colleghi di Monza lo riaprissero. Il personaggio fa sempre un gran polverone e raggiunge la notorietà: quanto all' esito delle sue inchieste, e' tutto da vedere. Spesso non arrivano a sentenza''. (ANSA).


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA