Google: editori Ue, garantisca la concorrenza

'Stop ad autopromozione che danneggia i consumatori'

Redazione ANSA

BRUXELLES - Gli editori europei sostengono l'appello di aziende e associazioni tecnologiche alla Commissione Ue per azioni immediate contro le pratiche di auto-preferenza di Google, a danno della concorrenza e dei consumatori. Lo scrivono, in una nota congiunta, le associazioni degli editori di giornali e riviste, Enpa e Emma, e il Consiglio degli editori europei (Epc).

Le imprese tech hanno inviato una lettera, con 165 firmatari, alla commissaria Ue per la Concorrenza, Margrethe Vestager, invitandola ad assicurare l'adeguamento di Google alle sanzioni della Commissione Ue del 2017 per abuso di posizione dominante nella promozione del prodotto Google Search, poi rinominato Google Shopping. Finora, secondo imprese e editori, Google non ha rispettato le misure imposte dall'Ue.

Inoltre, sarebbero in corso ulteriori indagini sul posizionamento di favore, nel motore di ricerca, di diversi servizi specializzati del big tech, per ricerche di lavoro, voli, hotel, alloggi e informazioni locali. Imprese e associazioni esortano dunque la Commissione ad adottare tutte le misure necessarie per garantire la concorrenza.

"Sosteniamo fortemente i piani della Commissione per regolamentare i giganti del web in modo più rigoroso", ha detto Ilias Konteas, direttore esecutivo di Enpa e Emma. "Tuttavia, la soluzione più rapida, naturale ed efficace al problema fondamentale dell'auto-preferenza di Google, è un'applicazione rigorosa delle misure per un trattamento equo che erano già state imposte nella decisione sulla concorrenza del 2017", ha aggiunto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie