Brevetti: industrie Ue, ratificare accordo tribunale unificato

'Fondamentale per transizioni green e digitale'

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - "Chiediamo che si arrivi alla ratifica dell'accordo per un tribunale unificato dei brevetti e all'entrata in vigore del sistema unico di brevetti il prima possibile. E' fondamentale per la politica industriale per sostenere l'innovazione e raggiungere le transizioni digitale e green". Così in una nota congiunta la confederazione delle industrie Ue (BusinessEurope), l'organizzazione delle aziende tecnologiche (Orlim), le camere di commercio Ue (Eurochambres) e l'associazione delle piccole e medie imprese Ue SmeUnited.

Secondo le industrie Ue, un quadro legislativo solido sulla proprietà intellettuale è necessario per politiche di innovazione che promuovano l'occupazione e la crescita in Europa. La creazione di un sistema unitario di brevetti creerebbe un quadro Ue più armonizzato per il rilascio dei brevetti alle aziende e incoraggerebbe la qualità e l'efficienza della protezione dei brevetti in Europa, scrivono le associazioni. "Questo sistema porterebbe benefici alle aziende in termini di certezza del diritto, efficienza dei costi, promozione della ricerca e dell'innovazione e competitività a livello mondiale", conclude la nota. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie