Europol, smantellato streaming illegale con 2milioni di abbonati

Generava oltre 15 milioni di euro

Redazione ANSA

BRUXELLES - Un sistema di streaming illegale gestito dalla Spagna offriva illegalmente l'accesso a 40mila tra canali tv, film, documentari e altri materiale a oltre due milioni di abbonati in Ue, Asia e Medio Oriente generando profitti da oltre 15 milioni di euro. Un'inchiesta internazionale ha portato allo spegnimento del server illegale Internet Protocol Television (IPTV) e allo smantellamento della rete criminale che riciclava il denaro. Lo rende noto Europol in un comunicato.

L'indagine è stata condotta dalla polizia spagnola con il supporto di Europol e Eurojust e il coinvolgimento delle autorità nazionali dell'Italia, Belgio, Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Romania, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti.

Le operazioni hanno portato, il 3 giugno, all'arresto di 11 persone, tra cui il sospetto leader della rete criminale di server che distribuiva illegalmente film, documentari e contenuti audiovisivi. L'indagine ha portato al sequestro di 4,8 milioni di euro, compresi immobili per oltre due milioni di euro. Le autorità hanno rimosso 50 indirizzi Ip e parte dell'infrastruttura criminale online, mentre sono stati congelati anche 11 conti bancari per un totale di 1,1 milioni di euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie