Europol, sequestro 1346 tonnellate di pesticidi illegali in 32 Paesi

A Viterbo trovate 16,9 tonnellate, in operazione Silver Axe

Redazione ANSA

BRUXELLES - In un'operazione globale coordinata da Europol sono state sequestrate 1346 tonnellate di pesticidi illegali. Le autorità italiane ne hanno sequestrate 16,9 tonnellate, in un deposito della provincia di Viterbo, per un valore di 300mila euro. Lo rende noto Europol in una nota. Le indagini, in collaborazione con Olaf, Euipo e le autorità nazionali, fanno parte dell'operazione annuale Silver Axe contro la contraffazione di pesticidi, che si è svolta tra gennaio e aprile, e ha coinvolto 32 Paesi, tra cui l'Italia.

L'operazione ha portato all'arresto di due persone e 8 inchieste sono state aperte in Belgio, Francia, Germania, Polonia, Slovenia e Svizzera. Uno studio dell'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo), stima che tra il 10% e il 14% del mercato Ue dei pesticidi sia interessato dal commercio illegale che frutta fino a 70 euro per ogni kg di prodotto contraffatto, il valore della merce sequestrata sarebbe dunque pari a 94 milioni di euro. Alcuni gruppi criminali che trafficano pesticidi sono coinvolti in altre attività come il traffico di sigarette contraffatte e il commercio illegale di prodotti farmaceutici, sostiene Europol. Il commercio di pesticidi illegali include anche l'importazione di sostanze vietate come il clorpirifos.

Negli ultimi cinque anni l'operazione ha portato al sequestro in totale di 2.568 tonnellate di pesticidi. "Sequestri di questa portata rendono ancora più urgente che le attività criminali nel settore della proprietà intellettuale siano riconosciute come area prioritaria per le azioni di contrasto alla criminalità organizzata internazionale" ha detto il direttore di Euipo, Christian Archambeau.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie