Coronavirus: Ue, appello settore cultura per misure sostegno

Lettera di 105 eurodeputati e 312 associazioni a leader europei

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Invitiamo la Commissione europea e gli Stati membri ad agire immediatamente in modo coordinato e a fare tutto il necessario per attenuare le conseguenze negative della crisi del COVID-19 nei settori culturali e creativi". E' l'appello che 105 europarlamentari e 312 associazioni culturali europee hanno sottoscritto in una lettera indirizzata ai leader Ue, ai ministri della Cultura e alla presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, ai commissari per la cultura Mariya Gabriel e per il mercato interno Thierry Breton. Tra i firmatari gli eurodeputati del gruppo S&D Brando Benifei, Massimiliano Smeriglio e Patrizia Toia.

"Chiediamo una rapida adozione di un Quadro finanziario pluriennale(Qfp) ambizioso, investendo di più nelle arti e nella cultura" si legge nella lettera. In particolare, il mondo culturale esorta i leader Ue a intervenire con misure a tutela soprattutto dei creativi indipendenti e freelancers, delle piccole e medie imprese e associazioni. "Sono necessarie misure proattive, su vasta scala e integrate in tutti i settori, per esercitare un impatto forte e duraturo, sia a breve che a lungo termine" ribadiscono le associazioni. Tra le iniziative proposte oltre a un aiuto finanziario per tutto il settore creativo, anche garantire l'accesso a sussidi di disoccupazione, ripensare i sistemi fiscali, aumentare i finanziamenti pubblici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie