Copyright: associazione Impala, Gb non resti indietro

'E' illogico non applicare la direttiva Ue'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Il Regno Unito è il principale mercato musicale in Europa, è importante che non disponga di un sistema di copyright di secondo livello e resti indietro rispetto agli altri stati Ue". Così Impala, l'organizzazione che rappresenta le aziende europee di musica indipendenti, commenta in una nota la dichiarazione da parte del governo inglese di non voler applicare la direttiva Ue sul diritto d'autore in vista dell'uscita del Paese dall'Unione.

I 27 hanno tempo fino alla primavera 2021 per recepire la normativa europea nei rispettivi ordinamenti nazionali, un adempimento che il Regno Unito, causa Brexit, non è tenuto a rispettare. Impala spera che la decisione di Londra non sia definitiva e che il dibattito continui. "Quando la direttiva è stata votata, il governo conservatore ha deciso di votare a favore. E' illogico ora non applicarla".

L'organizzazione ne ricorda i benefici sia per i musicisti che per i cittadini. Anche perché le nuove disposizioni, per i contenuti condivisi online senza licenza dell'autore, "chiariscono che la responsabilità spetta alle piattaforme, non agli utenti". Impala resta fiduciosa. "La buona notizia è che il Regno Unito può allineare la propria legislazione anche se non adotta la direttiva" conclude la nota.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie