Gli eurodeputati chiedono il rilascio dell'attivista Pivovarov

E la revoca della nuova legge contro le Ong

Redazione ANSA

BRUXELLES - Rilasciare immediatamente l'ex leader del movimento Russia aperta, Andrei Pivovarov, arrestato mentre lasciava il Paese, e ritirare tutte le accuse contro gli altri attivisti indagati ai sensi della legge contro le "organizzazioni non desiderate", utilizzata dalle autorità russe per colpire le Ong e le organizzazioni dell'opposizione: questo il contenuto della risoluzione approvata approvata dal Parlamento europeo con 564 voti favorevoli, 61 contrari e 37 astensioni.

La risoluzione invita inoltre le autorità russe a porre fine a tutte le rappresaglie contro gli oppositori politici ed a rimuovere la legge contro le Ong che vieta al personale o ai sostenitori di organizzazioni arbitrariamente elencate come 'non desiderate' di candidarsi alle prossime elezioni legislative. Il testo richiede infine di annullare la decisione del procuratore generale russo di inserire tre Ong tedesche, il Forum Russsprachiger Europäische, il Zentrum für die Liberale Moderne e il Deutsch-Russischer Austausch, nella lista delle organizzazioni straniere non desiderate.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie