Eurodeputati, rafforzare la libertà dei media

Metsola (Ppe), trovare modo di sanzionare i casi di Slapp

Redazione ANSA

BRUXELLES - Più formazione per i giudici, regole chiare sulla competenza territoriale dei tribunali e sanzioni contro istituzioni e aziende che abusano delle azioni legali nei confronti dei giornalisti. Sono queste le raccomandazioni essenziali della relazione anti Slapp, acronimo inglese per le azioni legali bavaglio, in discussione alla commissione per le libertà civili del Parlamento europeo.

"Scopo delle Slapp non è vincere ma rendere la vita impossibile a chi le subisce, per questo è necessario trovare il modo di sanzionare aziende e istituzioni che abusano di questa pratica", spiega la vicepresidente del Parlamento europeo e relatrice del testo anti Slapp Roberta Metsola (Ppe).

La bozza della testo dovrebbe essere presentata entro la fine di giugno ed essere sottoposta all'approvazione dell'assemblea plenaria in ottobre.

"La sfida più grande nel formulare la direttiva comunitaria sarà il negoziato con gli Stati membri, in particolare con quei Paesi che continuano a coprire le ingiustizie contro i giornalisti - continua Metsola - è in questo passaggio che la nostra istituzione può davvero fare la differenza".

Allo studio degli eurodeputati anche misure non legislative come la creazione di un fondo di assistenza europeo per sostenere le spese legali e la l'istituzione di un database per monitorare la diffusione dei casi di Slapp.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie