Eurodeputati sostengono mediazione politica Ue-Georgia

'Esortiamo forze politiche a mettere da parte loro interessi'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Esortiamo tutte le forze politiche a mettere da parte i loro interessi di parte per il bene del futuro della Georgia, a lavorare in modo costruttivo per risolvere la crisi in uno spirito di compromesso e conciliazione e ad astenersi dal fomentare ulteriormente un clima politico già acceso. La stabilità della democrazia parlamentare del paese e le sue aspirazioni europee ed euroatlantiche meritano ogni sforzo". È quanto affermano in una dichiarazione congiunta un gruppo di eurodeputati che sostengono la mediazione dell'Unione europea ed esortano i leader politici ad astenersi dal fomentare ulteriormente un clima politico già acceso in Georgia.

"Sosteniamo fermamente gli sforzi di mediazione in corso da parte dell'Ue condotti da Christian Danielsson, inviato personale del presidente del Consiglio europeo Charles Michel - prosegue la nota -. Chiediamo ai leader politici di cogliere questa opportunità per un accordo equo, che è ancora possibile, e di mettere i cittadini della Georgia e le loro esigenze al centro del loro dibattito".

I firmatari sono David McAllister (Ppe), presidente della commissione per gli affari esteri e copresidente del gruppo di Sostegno alla democrazia e coordinamento elettorale, Marina Kaljurand (S&D), presidente della delegazione per le relazioni con il Caucaso meridionale, Andrius Kubilius (Ppe), presidente della delegazione all'Assemblea parlamentare Euronest, Viola Von Cramon-Taubadel (Verdi), membro principale del gruppo di sostegno alla democrazia e coordinamento elettorale per la Georgia, Sven Mikser (S&D), relatore permanente del Parlamento europeo sulla Georgia, Michael Gahler (Ppe, DE), relatore permanente del Parlamento europeo sull'Ucraina e Petras Austrevicius (Renew), relatore permanente del Parlamento europeo sulla Bielorussia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie