Transparency, Italia tra ultimi per trasparenza lobby al Pe

Solo 5 eurodeputati hanno pubblicato gli incontri con i lobbisti

Redazione ANSA

BRUXELLES - Solo cinque eurodeputati italiani hanno pubblicato online almeno un incontro con le lobby nell'attuale legislatura. In generale l'Italia (con solo il 6,6% degli incontri pubblicati) è tra i peggiori per la trasparenza all'interno dell'Eurocamera: peggio hanno fatto solo la Bulgaria (5,9%), la Grecia (4,8%) Cipro e la Croazia (0%). I Paesi più trasparenti sono invece la Svezia (90%), il Lussemburgo (83%), la Finlandia (71%), l'Olanda (65%) e la Danimarca (64%). In totale sono 259 (su 704) gli europarlamentari che hanno reso pubblici 8.310 incontri con Ong, aziende o rappresentanti di interessi. Lo rende noto Transparency International pubblicando un aggiornamento della piattaforma di raccolta dati Integrity Watch.

Tra gli eurodeputati italiani figurano la presidente della Commissione Affari economici Irene Tinagli del gruppo dei Socialisti e democratici e Marco Zanni, Andrea Caroppo, Marco Dreosto, Rosanna Conte del gruppo Identità e democrazia. Secondo le regole del Parlamento Ue adottate a gennaio 2019, i presidenti delle commissioni parlamentari, i relatori e i relatori ombra dovrebbero pubblicare tutti gli incontri relativi ai rapporti in discussione nelle commissioni su un sistema interno al Parlamento.

Gli eurodeputati possono decidere anche di renderli pubblici sulla propria pagina web. Finora solo 16 presidenti delle commissioni (su 22) hanno pubblicato incontri con lobbisti collegati ai rapporti. Per i membri del Parlamento che non ricoprono incarichi, la pubblicazione degli incontri resta volontaria. Al momento solo i gruppi dei Verdi Efa (91%) e Renew Europe (57%) rilevano che oltre la metà dei propri membri ha pubblicato le riunioni con le lobby nell'ultimo anno. A seguire il gruppo S&D (45%), il Ppe (23%), la sinistra Ue Gue/Ngl (38%), gli Ecr (17,7). I parlamentari del gruppo Identità e democrazia ne pubblicano meno di tutti (8%).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie